Pagina 1 di 1

Re: A mia sorella Giuseppina

MessaggioInviato:02/01/2019, 17:52
da Eugenio
Queste festività stanno passando ed ho cercato di viverle nascondendo la mia tristezza ed il pianto. Il ricordo di lei è più forte che mai ed ancora più forte è il non senso di questa perdita assurda ed inspiegabile.

Re: A mia sorella Giuseppina

MessaggioInviato:24/07/2018, 10:50
da Eugenio
Grazie per la risposta.
Com'è diverso questo dolore rispetto alla scomparsa di mio padre.
Durante il giorno mi capita di cercare il numero di cellulare di mia sorella e la chiamo ma, poi, la realtà mi invade con la sua crudele realtà.

Re: A mia sorella Giuseppina

MessaggioInviato:10/07/2018, 11:17
da lorenza
"Fare" è la nostra reazione normale ad un cambiamento, ad un disagio, ad un dolore. Fare per riparare, ripristinare, aggiustare, compensare. Per guarire, per ritornare a prima, per non essere sotto il macigno dell'assenza, del dolore che ci invade. Ci si sente, come dici, tu, una barchettta nella tempesta, in un mare burrascoso e spaventoso che prima non avevamo visto, vuoti, soli, sperduti, senza guida e senza più chi amiamo vicino.
Ci vuole tempo e pazienza e un lento lavoro su se stessi per ritrovarsi e riprendere la strada. Lentamente, con coraggio, ci si fa. Condividere con gli altri le proprie emozioni, liberarsi dal "dovere" di essere di aiuto quando si desidera l'aiuto, leggere come altri hanno affrontato questo passaggio, parlare con chi ha conosciuto la perdita sono tutti elementi che ti aiutano a sopportare, resistere e ritrovarsi. E' bello che tu scriva del dolore per la morte di tua sorella. Che abbia avuto la forza di cercare aiuto, sostegno. di dire il tuo dolore.
Io qui ho trovato tanto sostegno, ci sono in www.gruppoeventi.it tante letture che mi hanno aiutato. Ho partecipato ad un gruppo online: ho capito che non ero sola, ho potuto dire e ascoltare. Piano piano ho sentito che ero cambiata, e mi sono sempre sentita accompagnata da altri che avevano, come me, da far fronte ad una assenza.

A mia sorella Giuseppina

MessaggioInviato:07/07/2018, 19:57
da Eugenio
Saluti tutti. Racconto brevemente la mia storia.
Il 10 aprile 2018 mia sorella viene ricoverata in ospedale per un malore. TAC, esami, ecografie rilevano un tumore maligno all'utero con metastasi al polmone. Nulla da fare: il 3 giugno mia sorella muore. Aveva 57 anni. Avevo già perduto mio padre d tumore. Ma adesso il dolore è diverso: mi sento vuoto, come una barca nella tempesta senza rotta, perso nella nostalgia e nel dolore di una morte incomprensibile.
Dovrei fare forza a mia madre ma non ci riesco. E' lei che consola me. Assurdo.
Meno male che c'è mia moglie.
Cosa possa fare ??